Statuto

ART. 1 : DENOMINAZIONE - SEDE

E' costituita con sede in Genova, un'Associazione non riconosciuta che assume la denominazione di "ARTIS FABRICA".

ART. 2 : SCOPI E FINALITA'

L'Associazione ha carattere volontario e democratico, non persegue come suo scopo istituzionale fini di lucro ed è apartitica; si propone lo sviluppo e il compimento delle potenzialità umane, tramite la ricerca e rivitalizzazione delle tradizioni artigiane, artistiche, marziali e umanistiche. Tali tradizioni hanno condotto l’umanità alla ricerca del suo compimento nelle ere passate e, anche se temporaneamente sopite, non hanno mai smesso di assolvere il loro compito, tramite il rapporto maestro/allievo o apprendista e la trasmissione diretta cuore a cuore.

Per il conseguimento di questi fini, l'Associazione si propone di:
a) ricercare attivamente pratiche che incarnino tali tradizioni o ricerche prospettiche a tal fine indirizzate
b) promuovere seminari introduttivi e presentazioni

c) agevolare l’accesso degli associati interessati alla pratica

d) promuovere attività volte alla diffusione ed alla conoscenza di tali tradizioni e pratiche

e) promuovere in ogni forma e misura la crescita personale degli associati

ART. 3 : SOCI

Possono far parte dell'Associazione tutti coloro che per interesse culturale o per attività professionale o di studio, siano interessati alle attività dell'associazione e che, avendone fatta richiesta, ne ottengano l'ammissione dal Consiglio Direttivo (preventiva approvazione da parte del Presidente e successiva ratifica del Consiglio). Nessuna limitazione è posta al numero dei soci; possono aderire tutti i cittadini di ambo i sessi, senza limiti d'età. La partecipazione dei soci alla elaborazione ed alla gestione dei programmi e delle attività è considerata prerogativa sostanziale ed inalienabile di ciascun socio e garanzia di democrazia. I soci devono accettare in toto le norme statutarie e regolamentari. La quota associativa è stabilita ogni anno dal Consiglio Direttivo e ratificata annualmente dall’assemblea dei Soci. La quota non è restituibile in caso di recesso o di perdita della qualifica di socio.

La quota o contributo associativo è intrasmissibile ad eccezione di trasferimenti a causa di morte.

I soci si distinguono in: soci fondatori e soci ordinari.

a) Sono soci fondatori tutti coloro che, con la loro opera, hanno contribuito alla nascita dell'associazione. Tale titolo viene conferito dall'assemblea dei soci fondatori all'atto della costituzione legale dell' associazione stessa. La qualifica di socio fondatore, se richiesta, potrà essere attribuita dal Consiglio Direttivo al socio che vanti un congruo numero di anni di ininterrotta partecipazione all'Associazione, o venga ritenuto meritevole, da parte del consiglio, per riconosciuti meriti inerenti la diffusione e la promozione degli scopi dell’associazione.

b) Sono soci ordinari tutti coloro che, a domanda, ottengano l'ammissione all'associazione.

La qualifica di socio fondatore o ordinario si perde per i seguenti motivi : 1) dimissioni scritte indirizzate al Consiglio Direttivo; 2) allontanamento in seguito a gravi motivi riconosciuti dal Consiglio Direttivo e, in caso di appello, dall'Assemblea che decide in via definitiva; 3) mancato versamento della quota sociale. In casi motivati, il Consiglio Direttivo potrà negare il rinnovo della tessera sociale. ART. 4 : ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Sono organi dell'Associazione : l'Assemblea Generale dei soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente. Gli organi restano in carica cinque anni ed i componenti sono rieleggibili. Le cariche e le attività svolte dai soci sono gratuite e non sono retribuite in alcun modo.

ART. 5 : ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI

L'Assemblea generale dei soci viene convocata in seduta ordinaria dal Consiglio Direttivo almeno una volta all'anno. Può essere convocata in seduta straordinaria ogni volta che il Consiglio Direttivo ne ravvisi la necessità, oppure su richiesta motivata di almeno ¼ dei soci con diritto al voto. La convocazione dell'Assemblea viene effettuata dal Consiglio Direttivo in persona del Presidente con avviso affisso nella bacheca dell’associazione almeno una settimana prima dell’Assemblea, con indicazione specifica dell'ordine del giorno. E' validamente costituita in prima convocazione se è presente la maggioranza degli aventi diritto, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti. Le delibere vengono prese a maggioranza dei presenti

ART. 6 : FUNZIONI DELL'ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI

L’Assemblea delibera sul bilancio consuntivo e preventivo, sugli indirizzi e direttive generali dell’Associazione, sulla nomina dei componenti il Consiglio direttivo, sulla eventuale modifica dello Statuto e su tutto quanto ad essa demandato per legge o Statuto. Nelle assemblee ogni associato ha diritto ad un voto. Ogni associato può rappresentare, per delega scritta, un numero massimo di 3 soci con diritto di voto. L'esercizio sociale va dal 1 Settembre al 31 Agosto di ogni anno. Ai sensi dell’Art. 21 CC, per modificare lo statuto o il regolamento interno dell'Associazione è indispensabile la presenza di almeno il 75% dei soci ed il voto favorevole del 50% +1 dei presenti con diritto di voto. Le votazioni possono avvenire per alzata di mano o, su richiesta, a scrutinio segreto.

ART. 7 : CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da 3 (tre) membri. L'Assemblea Generale dei Soci può decidere di aumentare o diminuire il numero dei componenti del Consiglio Direttivo in base al numero complessivo degli iscritti all'associazione. Il Consiglio Direttivo dura in carica cinque anni ed i suoi membri sono rieleggibili. Il Consiglio viene convocato dal Presidente almeno due volte l'anno, nonché ogni volta che ne venga fatta motivata richiesta da almeno 2 dei suoi componenti. La seduta del Consiglio è valida con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi membri e delibera a maggioranza dei presenti. In caso di parità il voto del Presidente è da considerarsi prevalente. Di ogni riunione viene redatto apposito verbale. Il Consiglio Direttivo elegge nel suo seno un Presidente, un Vice Presidente, un Segretario ed un Tesoriere, e fissa le responsabilità degli altri consiglieri in ordine all'attività svolta dall'Associazione per il conseguimento dei propri fini sociali. Il Presidente e il Vicepresidente compongono la Presidenza. Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di nominare un Consulente, che potrà essere invitato a partecipare alle riunioni del Consiglio stesso, senza diritto di voto. Le funzioni dei membri del Consiglio Direttivo sono completamente gratuite; saranno rimborsate le sole spese vive incontrate nell'espletamento dell'incarico.

ART. 8 : FUNZIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo : a) elegge nel proprio ambito il Presidente; b) elabora il programma delle attività dell'associazione da sottoporre al parere ed all'approvazione dell'Assemblea Generale dei Soci; c) amministra il fondo sociale; d) delibera sulle decisioni urgenti assunte dal Presidente; e) convoca l'Assemblea, presentando annualmente alla stessa i bilanci ed una relazione dell'attività svolta; f) stabilisce i criteri di determinazione delle quote annue di associazione; g) delibera sulla ammissione od esclusione dei soci.

ART. 9 : IL PRESIDENTE

Il Presidente resta in carica cinque anni ed è rieleggibile. Assume le iniziative necessarie per la realizzazione del programma definito dal Consiglio Direttivo, nonché le iniziative autonome che in casi di urgenza si rivelassero necessarie. Di queste ultime iniziative verranno immediatamente informati gli altri membri del Consiglio Direttivo, cui spetta, nella prima riunione successiva, la valutazione e la ratifica. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell'Associazione; presiede il Consiglio Direttivo e l'Assemblea dei Soci ed ha la firma sociale. In caso di assenza od impedimento del Presidente, la rappresentanza e la firma spettano al Vice-Presidente.

ART. 10

Per i soci che si impegnino a prestare la loro opera a fini educativi e promozionali nell'ambito dell'oggetto sociale, sono previsti rimborsi spese, gettoni di presenza e borse di studio, assegnati dal Consiglio Direttivo o, per delega dello stesso, dal Presidente.

ART. 11

Il patrimonio dell'associazione è costituito: - dalle quote associative versate dai soci; - dai beni immobili e mobili acquistati o pervenuti a qualsiasi titolo; - da eventuali contribuzioni straordinarie, provenienti anche da non soci; - da diritti di utilizzazione artistica e musicale relativi a produzioni stampate, audio e video; - da tutto quanto altro, ancorché qui non espressamente specificato, entri nella disponibilità dell'Associazione. L'Associazione può acquistare, vendere, permutare beni mobili ed immobili, nonché ricevere donazioni, eredità e legati, previa autorizzazione o salvo ratifica delle autorità competenti ove occorra. L'Associazione potrà accettare sponsorizzazioni e finanziamenti, da garantire nella maniera più idonea, tendenti ad ottenere le risorse finanziarie essenziali per il raggiungimento degli scopi e dei fini prefissati.

È espressamente vietata la distribuzione, anche indiretta, di utili o avanzi di gestione, salvo che la destinazione o la distribuzione non sia imposta dalla legge. Gli eventuali utili conseguiti dovranno essere utilizzati per il raggiungimento delle finalità istituzionali.

ART. 12

Quanto non previsto nel presente statuto verrà determinato in un regolamento di esecuzione da redigersi dal Consiglio Direttivo entro un anno dalla costituzione legale dell'associazione, previa ratifica dell'Assemblea generale dei soci.

ART. 13

La decisione di scioglimento dell'Associazione potrà essere presa dalla maggioranza di almeno 3/4 dei soci presenti ad una apposita Assemblea Generale dei Soci, che sarà valida se avrà la partecipazione di almeno il 50% del corpo sociale. In caso di scioglimento, il patrimonio residuo, dedotte le passività, dovrà essere devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

ART. 16

Per quanto non compreso nel presente Statuto decide l'Assemblea Generale dei Soci a maggioranza assoluta dei partecipanti.

Genova, 17 novembre 2016

IL PRESIDENTE:

 

I SOCI:

ELENCO ALLEGATO